Bando Regione Veneto POR FESR 2014-2020 ASSE 3 “Competitività dei sistemi produttivi” DGR n. 647 del 20 maggio 2021

Contributi settore turistico covid-19

Il presente Bando, la Regione Veneto si pone come obiettivo quello di sostenere i professionisti del settore turistico (art. 82, l. reg. n. 33/2002) duramente colpito dalla crisi pandemica. La misura persegue lo scopo di favorire la ripartenza competitiva e, di conseguenza, il rilancio dell’attività nel settore sopra indicato, con particolare riferimento ai professionisti del settore turistico equiparati alle PMI. essa inoltre, tiene conto del fabbisogno di liquidità dei professionisti del settore turistico a seguito dell’inevitabile drastica riduzione del fatturato nel corso del periodo di sospensione dell’attività.

Requisiti di ammissibilità (art. 4 Bando)

Come già anticipato, il presente Bando è indirizzato a coloro che esercitano una professione turistica tra quelle indicate dall’art. 82 Legge regionale n. 33/2002 e inseriti negli elenchi di cui all’art. 83 della citata legge regionale approvati con Decreto n. 174 del 16 aprile 2021 del Direttore della Direzione turismo della Regione del Veneto. Tali professioni sono: la guida turistica, l’accompagnatore turistico, l’animatore turistico e la guida naturalistico-ambientale (si rimanda all’ultimo paragrafo per una più dettagliata descrizione).

Per poter beneficiare di tale contributo, è necessario inoltre:

  1. Essere titolari di Partita IVA attiva;
  2. avere presentato la dichiarazione dei redditi o la dichiarazione IVA relativa all’anno di imposta 2019;
  3. essere in regola con gli adempimenti in materia previdenziale e assistenziale

La mancanza di uno dei requisiti di ammissibilità al sostegno comporta l’inammissibilità della domanda presentata e quindi la sua esclusione dalla partecipazione al presente Bando.

Dotazione Finanziaria

La dotazione finanziaria complessiva iniziale del presente bando è pari a Euro 2.645.000,00 Tale dotazione potrà essere incrementata secondo le disponibilità del bilancio regionale 2020-2022 e in base ad eventuali ulteriori risorse derivanti dalla gestione dei bandi POR-FESR dell’Azione 3.3.4. riguardanti le misure a favore del turismo. 


L’agevolazione è concessa nella forma di contributo a fondo perduto a sostegno della liquidità dei professionisti. L’ammontare del contributo a fondo perduto – forfetario e una tantum – è determinato nella somma di euro 3.750,00 per tutti i professionisti che risulteranno in regola con i requisiti di cui al precedente art. 4, nei limiti delle risorse disponibili a valere sul presente bando. 


I contributi concessi non sono soggetti a tassazione in quanto erogati ai sensi della Sezione 3.1 e, inoltre, sono cumulabili con altri aiuti nei limiti previsti dal “Quadro temporaneo per le misure di Aiuto di Stato a sostegno dell’economia nell’attuale emergenza del COVID-19”. 


Presentazione delle domande

Data di apertura

25 maggio 2021 (ore 10:00)

Data di scadenza

 

24 giugno 2021 (ore 17:00)

Descrizione delle professioni turistiche (art. 82, l. reg. n. 33/2002)

  1. La Guida turistica accompagna per professione, persone singole o gruppi di persone, nelle visite a opere d’arte, a musei, a gallerie, a scavi archeologici illustrandone le attrattive storiche, artistiche, monumentali, paesaggistiche e naturali.
  2. L’accompagnatore turistico, accoglie ed accompagna per professione, persone singole o gruppi di persone in viaggi sul territorio nazionale o estero, curando l’attuazione del pacchetto turistico predisposto dagli organizzatori, prestando completa assistenza ai turisti con la conoscenza della lingua degli accompagnati, fornendo elementi significativi e notizie di interesse turistico sulle zone di transito. 

  3. L’animatore turistico organizza, professionalmente, il tempo libero di gruppi di turisti con attività ricreative, sportive, culturali.
  4. La Guida naturalistico-ambientale esercita professionalmente l’attività di conduzione di persone nelle visite a parchi, riserve naturali, zone di pregio o tutela ambientale o siti di interesse ambientale così come individuate dalla legislazione vigente, fornendo notizie ed informazioni di interesse naturalistico, paesaggistico ed ambientale, con esclusione degli ambiti di competenza delle guide alpine; in relazione ai mezzi con cui viene esercitata l’attività nell’ambito della professione di guida naturalistico-ambientale, la Giunta regionale individua la specifica figura professionale di chi esercita l’attività a cavallo o con altro animale.

                                                   

Passa da noi per una chiacchierata, potremo trovare una soluzione per voi

041.5322874 / [email protected]