Magnolia Srl

Il metodo più efficace per trovare clienti?
L'Inbound Marketing

L’inbound marketing è un efficace metodo per trovare clienti online, sfruttando le potenzialità del web.

L’inbound marketing va a sostituire azioni e approcci di marketing tradizionale, come il telemarketing.

Essenzialmente l’inbound marketing si concentra sulla creazione di contenuti educativi, interessanti per il potenziale cliente tanto da attirarlo all’interno di un sito web, quindi, non siamo più noi ad andare dal potenziale cliente ma LUI CHE CI CERCA.

L’inbound marketing inoltre si fonda su 2 colonne portanti

  • I contenuti: ossia come la creazione di contenuti online (pagine web, blog post, video…) ottimizzati seo, quindi per i motori di ricerca, in modo che un utente possa trovarci sfruttando anche l’uso dei social media per avere visibilità.
  • Il contesto: capire in che modo questi contenuti possono attirare maggiormente i visitatori e studiare quindi una strategia a riguardo, con messaggi e promozioni che verranno poi condivise attraverso il sito web, il blog ed i canali social.

Tenendo a mente ciò che abbiamo detto, andiamo adesso a presentare graficamente e in maniera semplice, cos’è e come funziona l’inbound marketing!

Con questo semplice grafico, si può subito notare che l’inbound marketing si sviluppa in 4 fasi:

  • Attirare, generare trafficoverso il sito internet.
  • Convertire, trasformare i visitatori occasionali in
  • Chiudere, trasformare contatti in
  • Deliziare, soddisfare a tal punto i clienti da far si che si trasformino in promotori dei Vs. servizi e prodotti.

Per ogni fase, si dovrà adattare una strategia, fatta di contenuti ben precisi nei quali andare ad attirare il cliente.

1: Generare traffico verso il Sito internet – ATTIRA

Solo su Google, le ricerche ammontano a 54.000 al secondo!
È, quindi, molto importante per un’azienda essere presente online: la quasi totalità degli utenti che naviga in rete ormai esegue ricerche nei motori di ricerca.  L’ambiente dove si va quindi ad agire è molto competitivo.
Innanzitutto, il sito web deve essere responsivo, ossia deve essere in grado di adattarsi graficamente in modo automatico a qualsiasi dispositivo che utilizzo (computer, tablet, smartphone, web tv ecc..): d’altronde gran parte delle ricerche viene effettuata ormai da mobile.
Sviluppa in un secondo momento un blog sulla tua attività. Il blog che andremo a sviluppare/creare diventerà un biglietto da visita che ci permette sia di attrarre visitatori, che di guadagnare autorità nel mercato, essendo poi riconosciuti come veri esperti del settore.
Ricerchiamo poi le keyword, ideali per il nostro settore,  così da ottimizzare la SEO per tutti i gli articoli che andremo a proporre ai nostri visitatori.
Attenzione, perché le keyword per quanto efficaci non bastano più: bisogna infatti elaborare una content strategy interpretabile dai motori di ricerca.

2: Fai diventare i tuoi Visitatori in Contatti – CONVERTI

Ora che hai attirato dei visitatori, dobbiamo convertirli affinché diventino dei contatti.

  • Come trovare i dati e le informazioni che servono?
  • Come fare per convertirli?

Sono tutte domande lecite che devi porti. La risposta più semplice è che dovrai generare una Landing page, con all’interno un form (semplice ed efficace) nel quale i visitatori, dovranno inserire i loro dati, a nostra volta, noi inseriremo delle CTA (Call To Action) per invogliarli a compiere questo tipo di azione. In un secondo momento dovremmo andare a creare una seconda Landing page di ringraziamento, ovvero una pagina dove ringrazi l’utente per la sua iscrizione (thank you page).
Questo non basterà affinché un visitatore compili il nostro form, bisogna offrigli qualcosa in cambio. Nella thank you page bisognerà quindi inserire contenuti utili e di qualità, come guide e video e nella Landing page specificare cosa andremo a offrire.

3: Trasformare Contatti in Clienti – CHIUDI

I tuoi contatti sono ora all’interno del tuo database/CRM: manca un’ultima fase, quella decisiva, perché questi contatti si trasformino in clienti veri e propri.

Tutto passa attraverso i contenuti, che devono essere inerenti a quello che i tuoi contatti chiedono compilando il form. Come? Niente di più semplice e complesso allo stesso tempo.

Questo passaggio si effettua, attraverso delle campagne DEM (direct email marketing) combinate a workflow (automazione totale o parziale di un processo aziendale, in cui documenti o informazioni passano da un partecipante a un altro per svolgere attività, secondo un insieme di regole definite) efficienti attraverso un CRM.

Cos’è un CRM?
Il CRM gestisce tutti i tuoi contatti attraverso un percorso denominato workflow; il workflow, in base alle azioni che compie il contatto, esegue altre azioni per nutrire di contenuti il nostro contatto.
Al momento il software migliore per fare marketing automation è HubSpot.

4: I Clienti si trasformano in Promotori – DELIZIA

Il cliente è ora stato acquisito ma non buttarlo nel dimenticatoio! Dobbiamo sempre ricordare che un cliente soddisfatto e “coccolato” è sempre un ottimo promotore per la nostra attività e potrebbe generare nuovi potenziali clienti!
Ora conosci le regole per fare del buon marketing, non ti resta che cominciare a sviluppare la tua strategia anche attraverso dei tool gratuiti per iniziare, come MailChimpe e/o Hootsuite, semplici ed efficaci.

ATTENZIONE: Avere tool sparsi per il web, può diventare un problema, per la gestione del flusso omogeneo. Per questo si consiglia di utilizzare HubSpot.

Pensi di avere maggiori conoscenze, dopo aver letto questo articolo sull’inbound marketing?
Fidati, hai appena incominciato ad assaporare di cosa si tratta per davvero!

Stay tuned!

A breve creeremo una guida gratuita, che potrai scaricare e consultare in qualsiasi momento per iniziare a creare per te o la tua azienda, un’inbound marketing di successo!